Abbiamo il cuore spezzato!

2. Aprile 2021

La settimana scorsa abbiamo avuto una riunione urgente online con Ann, la direttrice della nostra fondazione in Thailandia e Joli, la responsabile dei nostri progetti Rays of Youth in Myanmar, poiché la situazione in Myanmar rischiava di degenerare sempre di più, soprattutto nei giorni antecedenti. Ann ci ha detto che la nostra squadra Rays of Youth a Hpa-an/Myanmar non si sente più sicura. Sono state annunciate grandi manifestazioni per il 27.03., una data che non è stata scelta senza motivo, poiché è il “Giorno delle forze armate”, una data importante per i militari in Myanmar.

Ann ci ha descritto la situazione come segue: I militari sono ovunque nelle strade e l’approccio è brutale e arbitrario. Si effettuano controlli e le persone vengono minacciate e intimidite. Al minimo segnale che possano essere sostenitori del movimento di resistenza C.D.M. (Civil Disobedience Movement), vengono arrestati. Il C.D.M. è la resistenza dei dipendenti statali (medici, infermieri, dipendenti pubblici, ecc.). Secondo un articolo del New York Times, quasi il 60% ha lasciato il lavoro per protesta. La gente viene imprigionata. Le persone stanno semplicemente scomparendo. Più di 500 persone sono già morte nelle proteste.

Nei villaggi, i capi villaggio sono stati sostituiti senza tante cerimonie da membri dell’esercito. La resistenza della popolazione esiste ancora, ma anche la paura di diventare una vittima dei militari cresce di giorno in giorno, e purtroppo non c’è ancora stata una reazione della comunità internazionale.

Ann ci ha detto che i militari stanno prendendo di mira specificamente le organizzazioni umanitarie, accusandole di incitare la resistenza e quindi di essere in parte responsabili dei disordini. Direttori di altre organizzazioni sono già stati arrestati. Come molte altre organizzazioni umanitarie, il nostro team ha deciso consapevolmente di non unirsi al movimento di resistenza, anche per non mettere inutilmente in pericolo la nostra squadra.

Soprattutto nello Stato Karen, i conflitti tra l’esercito etnico e l’esercito statale stanno ora germogliando, una guerra civile è la conseguenza minacciosa. Tutto questo è venuto a galla negli ultimi giorni e quindi abbiamo deciso di dare la massima priorità alla sicurezza della nostra squadra. Dovevamo agire rapidamente. Pertanto, Ann e il nostro consiglio hanno deciso congiuntamente di chiudere l’ufficio a Hpa-An/Myanmar fino a nuovo avviso, di fermare le attività del progetto in Myanmar per il momento e di evacuare il nostro staff nei loro villaggi d’origine.

Volevamo evitare che i nostri dipendenti continuassero ad essere esposti a un così grande stress psicologico e al pericolo.

Resta da vedere quando potremo riprendere il nostro lavoro in Myanmar.

Nel frattempo, investiremo tutte le nostre energie nelle nostre scuole e nei progetti sul lato thailandese, perché una cosa è chiara, il popolo birmano ha bisogno di noi ora più che mai.