Il nostro aiuto arriva!

12 maggio 2020

Set di emergenza
A causa della pandemia Covid-19 durante il lockdown thailandese migliaia migranti birmani sono stati costretti a tornare nel Myanmar. Tornati nel loro paese d’origine si dovevano sottoporre ad una quarantena. Dato che molti di loro non hanno più ne famiglia, ne altri contatti in questo paese sono stati sistemati in alloggi d’emergenza come templi e tende, lasciando il paese a mani vuote.

Il Ministero della Salute birmano ha chiesto al nostro team in loco un sostegno e cosí non abbiamo esitato e acquistato set di emergenza per queste persone. 356 set composti da acqua potabile, una coperta, una zanzariera, un tappetino per dormire, un cuscino, un contenitore per alimenti, un contenitore per l’acqua, un dentifricio, uno spazzolino da denti, sapone, asciugamano, mascherine protettive, gel disinfettante e forbici per unghie sono stati distribuiti in un primo intervento ed in un secondo intervento ulteriori 204 sets. In tutto abbiamo fornito 560 set di emergenza.

Pacchetto attrezzatura protettiva
Noi abbiamo fornito a metà aprile gli 8 villaggi nello stato Karen/Myanmar, nei quali in passato abbiamo costruito i servizi igienici, con un pacchetto di attrezzatura protettiva. Tutto viene gestito dal comitato dei servizi igienici, che ha a suo carico il mantenimento delle toilette costruite ed è il nostro punto di riferimento in ogni villaggio. Il pacchetto è composto da un 1 termometro, 3 pacchetti di mascherine protettive, 3 pacchetti di guanti, 10 bottiglie di gel disinfettante, 6 bottiglie di alcol disinfettante e batterie. Il comitato in questa occasione ha partecipato ad un corso di formazione sul Covid-19. Di questo corso facevano parte le misure protettive da assumere come anche il corretto uso del materiale protettivo. Con questo intervento gli abitanti del villaggio dispongono di una prima protezione necessaria.

Attrezzatura protettiva
L’eccellente lavoro dei nostri Rays of Youth è molto noto nel distretto sanitario dello stato Karen e il Ministero della Salute birmano ha inviato una richiesta di aiuto e cooperazione direttamente al nostro team Rays of Youth. Sebbene il personale medico inviato dal governo ha effettuato controlli sanitari dalla parte birmana per i cosiddetti rimpatriati per individuare eventuali infettati di Covid-19, non c’erano abbastanza attrezzature protettive disponibili. Mancavano particolarmente tute protettive, disinfettanti, mascherine protettive e termometri. In questa situazione di assoluta emergenza abbiamo quindi fornito all’ecquipe il materiale mancante.
Contemporaneamente le cliniche locali offrono campagne di sensibilizzazione sulla pandemia nelle città. Abbiamo fornito anche loro l‘ attrezzatura protettiva necessaria.

In tutto abbiamo distribuito all’inizio di aprile al ministero della salute 10 tute protettive, 30 pacchetti di mascherine protettive, 300 termometri, 5 termometri digitali, 3 pacchetti di guanti e 20 bottiglie di disinfettante.

Mascherine protettive
Le sarte della nostra sartoria Happy Tailor, che da poco é diventata autonoma, non sono rimaste inattive e hanno iniziato da subito a cucire mascherine protettive. A metà marzo sono giá state distribuite 1.600 mascherine negli orfanotrofi circostanti a Mae Sot. Ulteriori 10.000 mascherine sono in fase di produzione e vengono distribuite man mano ai genitori dei nostri scolari.

Sensibilizazzione
All’inizio di marzo il nostro education team ha organizzato in collaborazione con la clinica di Mae Sot una grande campagna di sensibilizzazione per informare le famiglie birmane, che spesso sono illegalmente in Thailandia senza documenti validi, sul Covid-19 e il grande rischio di contaggio. Sono stati fatti grandi poster, che sono stati appesi in tutti i villaggi. Proprio adesso si nota quanto importanti erano tutte le campagne sull’igiene fatte nelle scuole in passato.